Come si crea una campagna marketing per una no-profit

Il marketing è un elemento che ad oggi sappiamo essere essenziale quando si va ad operare nel mondo della pubblicità, quella ovviamente che deve garantire alla propria azienda di acquisire un elevato valore di immagine, ciò al fine di essere conosciuta e trovata dalla potenziale clientela. Quando però la pubblicità deve essere fatta per una azienda no-profit, quale strategia è meglio seguire? Abbiamo chiesto all’agenzia di marketing Milano Guru quale sia la scelta migliore.

Come si crea una campagna marketing per una azienda no-profit

Per un tipo di marketing che sia diretto ad agenzie o aziende no-profit, la scelta migliore è quella di operare in settori che permettano di farlo in autonomia, e dove non si necessita di investire del denaro, potendo quindi contare su una pubblicità gratuita. Ecco quindi che diviene importante operare nel campo del Digital Marketing, ovvero quel tipo di sponsorizzazione che avviene attraverso i canali online, spesso con l’ausilio di un proprio sito internet ben ottimizzato e quindi ben posizionato all’interno dei motori di ricerca.

Queste strategie all’interno del mondo digitale, che si vanno ad integrare con altre politiche sempre basate sull’autodeterminazione priva di costi, permettono di andare a raggiungere una vasta platea di sostenitori. Questi, se gestiti in maniera molto efficace, potranno non solo divenire sostenitori ma anche qualcosa di più, come ad esempio dei veri e propri ambasciatori.

L’unica problematica in questo caso è dovuta al fatto che la digitalizzazione nel settore no-profit non è ancora molto sviluppato e avviato in Italia, sebbene la cosa positiva è che ad oggi si vedono segnali di crescita importanti in questo settore. Questo chiaramente è possibile grazie all’ausilio di sistemi molto utilizzati dalla gente come i social network, grazie ai quali le onlus possono beneficiare di un accesso diretto al mercato.

In questo modo potranno di fatto farsi conoscere e andare ad aumentare le possibilità di essere conosciuti e fidelizzare in qualche modo i potenziali sostenitori. Questo si traduce in incassi monetari, ovvero le donazioni, che se provengono da un numero elevato di persone diventano una risorsa assolutamente importante per qualunque associazione no-profit.