Allevamento tartarughe

Vasche e piscine fuori terra

La specie di tartaruga d’acqua dolce piu diffusa in Europa e la cosiddetta Trachemys scripta, importata prevalentemente dagli Stati Uniti. Per chi ha deciso di acquistare alcuni esemplari di questi rettili occorre qualche precisa indicazione per la costruzione dell’ambiente adatto a ospitarli, onde evitare quegli errori dettati da luoghi comuni o da cattivi consigli di sedicenti esperti, in modo da assicurare alle vostre nuove amiche l migliori condizioni di vita.

L’habitat di questi carapaci e caratterizzato da specchi d’acqua poco profondi, con fondale sabbioso o ghiaioso, e una ricca vegetazione. Per ricreare lo stesso ambiente naturale, dove trasportare gli esemplari che abbiano compiuto almeno un anno di vita, e necessario interrare una piscina di plastica della capacita di almeno 750/1000 litri; la profondita della vasca non e un problema, anche se in realta sono sufficienti 60 centimetri. In alternativa si puo installare una piscina fuori terra, avendo pero l’accortezza di creare un’adeguata rampa per permettere agli animali di entrare e uscire dall’acqua a piacimento.

L’effetto scenico migliore si ottiene comunque con la piscine interrate, nella quale e opportuno ricreare il fondale naturale di ghiaia o sassi, con l’aggiunta di alcune piante acquatiche autoctone. Questi accorgimenti servono anche a favorire il mantenimento della concentrazione salina e del pH dell’acqua. L’impianto idraulico per il carico dell’acqua deve essere provvisto di un filtro a carboni attivi, per abbattere la concentrazione di cloro, altrimenti troppo elevata rispetto al naturale habitat delle tartarughe d’acqua dolce. Uno scarico e un piccolo impianto di ossigenazione completano il sistema di gestione, favorendo anche la periodica manutenzione.

All’interno dello specchio d’acqua bisogna installare un isolotto, l’ideale sarebbe una roccia sufficientemente alta da affiorare, sulla quale le tartarughe amano arrampicarsi e prendere il sole, e una rampa, per permettere alle ospiti di uscire per una passeggiata nella porzione di prato loro dedicata; in opportune condizioni climatiche e di tranquillita, le tartarughe potrebbero anche deporre le uova e aumentare cosi la famiglia.

Giunto l’inverno si puo decidere se trasferire le tartarughe in un luogo leggermente meno freddo, svuotando in questo caso la piscina, o lasciare che vadano in letargo sotto lo strato di ghiaccio formatosi a causa delle basse temperature; questa seconda soluzione e pero rischiosa sia per le tartarughe, perche il ghiaccio potrebbe occuparne¬† lo spazio vitale, sia per la struttura, che potrebbe cedere sotto la pressione del ghiaccio stesso.